Cava de’ Tirreni, multe non riscosse: 700mila euro di crediti prescritti

Il Comune di Cava de' Tirreni si rivolge alla Corte dei Conti per recuperare 700mila euro di crediti prescritti per multe mai riscosse da un Agente

comune_Cava

CAVA DE’ TIRRENI. Il Comune di Cava de’ Tirreni si rivolge alla Corte dei Conti per recuperare 700mila euro di crediti prescritti per multe mai riscosse da un Agente di Equitalia.

700mila euro di crediti prescritti per multe non riscosse da un Agente Equitalia: il Comune di rivolge alla Corte dei Conti e avvia azioni legali

Oltre 700mila euro di multe finite in prescrizione perché non riscosse dall’Agente Equitalia: il Comune di Cava de’ Tirreni adesso dovrà appellarsi alla Corte dei Conti per recuperare ben cinque anni di crediti arretrati.

Come riportato dal quotidiano “La Città”, la Giunta Comunale ha approvato una delibera con la quale si avvino le procedure legali per il recupero delle somme a partire dall’anno 2013: in quel periodo la casa comunale faceva riferimento a Equitalia per il servizio di riscossione delle somme provenienti da multe elevate e non pagate per violazioni delle regole del codice della strada.

Tra le due parti c’era un’Agente della Riscossione che aveva il compito di trasmettere le sanzioni e la riscossione coattiva con l’obbligo di notificare le cartelle di pagamento: una procedura necessarie che serve ad evitare la prescrizione del credito. Tuttavia, le cose non sono andate in questo modo e oggi il Comune di Cava de’ Tirreni è costretto a dover recuperare cinque anni di crediti arretrati.


Fonte: La Città

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *