Castel San Giorgio: faceva prostituire la figlia 13enne, condannata a 7 anni

Una donna di Castel San Giorgio è stata condannata a 7 anni di carcere, con l'accusa di aver fatto prostituire la figlia 13enne

violenza abusi

Una donna di Castel San Giorgio è stata condannata a 7 anni di carcere, con l’accusa di aver fatto prostituire la figlia 13enne.

Faceva prostituire la figlia 13enne a Castel San Giorgio, condannata a 7 anni

Un’accusa infamante. Quella di aver venduto la figlia di soli 13 anni, facendola prostituire. Una donna di 43 anni è stata condannata in Appello a 7 anni di carcere, con la conferma di fatto della pena subita in primo grado.

Condannato anche un 63enne, amico della donna, ritenuto addirittura cliente abituale della giovanissima vittima. L’uomo dovrà scontare una pena di 9 anni e 4 mesi, con le accuse di violenza sessuale su minore e sfruttamento della prostituzione.

Gli abusi sulla 13enne, in cambio di denaro e regali, sarebbero durati circa 2 anni, tra il 2015 e il 2016 e sarebbero avvenuti tra Roccapiemonte e Castel San Giorgio. L’orco di 63 anni ha conosciuto la mamma della ragazzina facendo dei lavori di ristrutturazione in casa della donna.

Approfittando dell’indigenza della famiglia, l’uomo ha indotto la donna a “vendergli” la figlia, in più di una circostanza. Secondo le ricostruzioni, la ragazzina avrebbe avuto rapporti anche con altre persone.

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *