Capaccio, prostituzione nella pineta: daspo per una donna

Si prostituiva nella pineta in località Varolato, lungo la fascia costiera. Una donna, di origini cinese, è stata così fermata dal Nucleo di Polizia Giudiziaria della Polizia Locale di Capaccio Paestum

CAPACCIO PAESTUM. Si prostituiva nella pineta in località Varolato, lungo la fascia costiera. Una donna, di origini cinese, è stata così fermata dal Nucleo di Polizia Giudiziaria della Polizia Locale di Capaccio Paestum, fortemente voluto dall’Amministrazione comunale, che ha applicato nei confronti della donna un daspo, con consequenziale allontanamento dal territorio comunale per attività contraria alla pubblica decenza.

Prostituzione nella pineta: i dettagli

Il provvedimento di allontanamento dal territorio comunale è stato applicato anche nei confronti del cliente della prostituta.

Nei confronti dei due sono stati elevati verbali per circa 7mila euro.

L’attività investigativa, protratta per giorni con appostamenti e pedinamenti, anche a seguito di numerose segnalazioni, hanno acconsentito di accertare come la donna, dopo aver adescato i clienti, praticasse sesso all’interno della pineta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *