Battipaglia: telecamere in tilt, in arrivo fondi per riattivarle

Le telecamere ci sono da circa 15 anni, ma non funzionano. Ma da qui a breve la situazione dovrebbe capovolgersi: in arrivo fondi per riattivarle

telecamere

Le telecamere ci sono da circa 15 anni, ma non funzionano. Ma da qui a breve la situazione dovrebbe capovolgersi: in arrivo fondi di circa 50mila euro per riattivarle.

Telecamere in tilt: in arrivo fondi per riattivarle

Le telecamere ci sono da circa 15 anni, ma non funzionano. L‘Amministrazione comunale di Battipaglia ha previsto dei fondi per riattivarle. In arrivo anche Fastweb. Saranno infatti i tecnici della Fastweb a ripristinare il servizio di videosorveglianza.

Le prime telecamere furono installate ormai nel lontano 2003 e nel 2013 ne arrivarono altre, spente e riaccese di nuovo. Non sono mai riusciti a trarre benefici le forze dell’ordine da quelle telecamere. Tant’è che il nuovo comandante dei carabinieri, il maggiore Vitantonio Sisto, più volte ha proposto di riaccendere l’impianto di videosorveglianza.

Come cita anche La Città di Salerno, nella graduatoria dei comuni che hanno partecipato al Patto per la sicurezza urbana, promosso dal Viminale, Battipaglia non è riuscita a strappare il becco di un quattrino: è al 1757simo posto su 2.426 comuni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *