Banda di ladri nel Cilento: arrestato un albanese

È accusato di furto, ricettazione, resistenza a Pubblico Ufficiale, porto e detenzione di arma clandestina. Un cittadino albanese è stato arrestato ieri notte dalla Polstrada di Eboli che gli ha posto letteralmente una trappola: a seguito del dilagante e allarmante fenomeno dei furti in appartamento, che si concentravano in particolare nella zona del Vallo di […]

È accusato di furto, ricettazione, resistenza a Pubblico Ufficiale, porto e detenzione di arma clandestina. Un cittadino albanese è stato arrestato ieri notte dalla Polstrada di Eboli che gli ha posto letteralmente una trappola: a seguito del dilagante e allarmante fenomeno dei furti in appartamento, che si concentravano in particolare nella zona del Vallo di Diano e Cilento e che venivano perpetrati da soggetti provenienti dall’Europa dell’Est, dimoranti in campi nomadi dell’interland napoletano, che poi utilizzano l’autostrada Salerno-Reggio Calabria per rientrare nelle loro zone di residenza. Gli uomini della Polizia Stradale di Eboli hanno predisposto specifici servizi per intercettare e bloccare questi soggetti.
Così, nella tarda serata di ieri i poliziotti hanno bloccato un’Audi A4 SW, che era stata rubata e già segnalata come veicolo utilizzato per commettere ulteriori furti in appartamento. Dopo un rocambolesco inseguimento l’autovettura è stata bloccata, a Mercato San Severino i ladri hanno tentato fuggire a piedi, abbandonando l’autovettura. Uno di loro è stato bloccato earrestato, mentre altri tre sono riusciti a fuggiree scomparire nel buio.
La persona arrestata, S. Z., cittadino albanese di 29 anni pregiudicato, aveva con sé una pistola calibro 7,65 con matricola cancellata e caricatore con otto cartucce. Nell’auto è stato trovato un vero e proprio arsenale di attrezzi utilizzati per forzare porte e finestre, alcuni passamontagna, una pistola in metallo tipo revolver, caricata a salve e una cassetta in legno piena di monetine da 10 e 20 centesimi, alcuni orologi e una macchina fotografica anche questa rubata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *