Arriva Golden Donna al Moa di Eboli

EBOLI. Torna l’appuntamento con la rassegna TransEurope Express al museo “Moa” – Museum of Operation Avalanche – di Eboli. Dopo il concerto, del 24 ottobre scorso, di Emma Tricca e Leo Pari, è la volta di una grande esclusiva: Joel Shanahan alias Golden Donna. L’artista statunitense sarà ospite del “Moa” lunedì 17 novembre, a partire […]

EBOLI. Torna l’appuntamento con la rassegna TransEurope Express al museo “Moa” – Museum of Operation Avalanche – di Eboli. Dopo il concerto, del 24 ottobre scorso, di Emma Tricca e Leo Pari, è la volta di una grande esclusiva: Joel Shanahan alias Golden Donna. L’artista statunitense sarà ospite del “Moa” lunedì 17 novembre, a partire dalle 19, e il suo concerto al museo sarà l’unica tappa del sud-Italia del suo tour europeo.

Joel Shanahan alias Golden Donna, è un musicista/producer di musica elettronica di casa a Madison, Usa. Le sue produzioni spaziano dallo strumentale alla psichedelia, i synth hanno un ruolo fondamentale nei sui live regalando sfumature e sensazioni che richiamano le colonne sonore anni 80′. Il suo omonimo album di debutto per la Not Not Fun Rec rimarca la sua vena psichedelica nella composizione, mentre nel suo nuovo Ep “Gloaming Thirst” propone arrangiamenti e sonorità affini alla Chillwave/Ambient music. I suoi live, sempre molto suggestivi, sono accompagnati da contributi video che permettono di intraprendere un vero e proprio viaggio accompagnati dalle sue sonorità. Il 17 Novembre il suo tour toccherà il Moa “Museum of Operation Avalache”, nell’ambito della rassegna TransEurope Express.
La rassegna si occupa del panorama artistico internazionale e, in particolar modo, europeo indipendente e “sotterraneo”, attraverso concerti, video, mostre, film e presentazioni di libri. L’obiettivo di TransEurope Express è quello di affrontare i temi del rapporto tra le arti visive e la ridefinizione delle coordinate della memoria e della cultura europea, a cento anni dall’inizio della Grande Guerra e a settanta dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Attraverso le iniziative si vuole indagare come il complesso panorama artistico, dopo il drammatico periodo della “guerra civile europea”, ha interagito con la costruzione dello spazio comune europeo e le modalità con cui l’arte e la musica narrano la sua crisi attuale. TransEurope è partita ad inizio 2014 e quella di lunedì è la IX Fermata, cioè il nono appuntamento dedicato alla cultura straniera.

La serata di lunedì 17 novembre prevederà, oltre al concerto di Golden Donna, la proiezione del film “Broken Blossoms” di D. W. Griffith (Usa 1919). Broken Blossoms è un film molto importante nella storia del cinema e nel 1996 è stato scelto per essere conservato nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti. Il film affrontava il tema caro a Griffith della violenza sui deboli, raccontando una storia melodrammatica alla Dickens, ma con notevoli sperimentazioni tecniche, come quella della doppia soggettiva: un campo-controcampo a 180°, che mostra i duri sguardi del padre e della figlia che si fissano aggressivamente guardando nell’obiettivo (e quindi lo spettatore), con una violenza espressiva mai vista prima.
La IX Fermata del TransEurope Express è organizzata in collaborazione con Allivel Booking and Promotions e La Concertini di Musica Brutta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *