Agropoli, al via la XVII edizione del Mediterraneo Video Festival

AGROPOLI. Al via la XVII edizione del Mediterraneo Video Festival in programma dal 19 settembre al 21 Settembre 2014, organizzato dall’ Associazione Medfest Onlus con il sostegno del Comune di Agropoli e il Parco Nazionale del Cilento, Diano e Alburni. Quest’anno il tema è la metamorfosi, il paesaggio mutante. Il festival racconta questa trasformazione attraverso le […]

AGROPOLI. Al via la XVII edizione del Mediterraneo Video Festival in programma dal 19 settembre al 21 Settembre 2014, organizzato dall’ Associazione Medfest Onlus con il sostegno del Comune di Agropoli e il Parco Nazionale del Cilento, Diano e Alburni. Quest’anno il tema è la metamorfosi, il paesaggio mutante. Il festival racconta questa trasformazione attraverso le tante storie dei film in concorso, mostre ed eventi. Tra i film in programma per questa prima giornata del Mediterraneo Video Festival : “L’uomo sulla luna” di Giuliano Ricci (Italia) , ambientato in Sardegna, tra le montagne della Barbagia , il documentario raccoglie i frammenti di un mondo perduto in cui morte e violenza sono elementi ricorrenti e quotidiani. Un immaginario disperso dall’arrivo della modernità, dal momento in cui l’uomo ha messo piede sulla luna; The Golden Temple di Enrico Masi una coproduzione Italia/Francia/Gran Bretagna, il film racconta il sistema che sta dietro ai Giochi Olimpici. Considerare il problema nel suo insieme, come un evento organico di massa che avviene nella città di Londra. Avvicinandosi a un maxi evento collettivo nel cuore del capitalismo attraverso un’odissea umana, una deriva urbana iniziata con gli effetti ereditati dal colonialismo, per finire nell’era dei primitivi digitali; Farid di Pino Esposito (Svizzera), protagonista del film è lo scrittore palestinese Dhamra Farid, un richiedente asilo respinto, e la storia della sua imminente deportazione in Israele. Farid tiene un diario, annotando appunti sui sogni infranti di migranti che vivono in isolamento più o meno illegalmente a Zurigo. Questi i film della prima giornata in lizza per il premio della giuria composta da Ludovica Tortora De Falco, Giovanni Princigalli , Daniele De Sanctis, alla migliore opera in concorso. Al premio della giuria si aggiungono : il premio Medwebdoc, assegnato dal pubblico dei film sul web; il premio dell’Ordine Giornalisti della Campania dedicato a Simone Camilli, giornalista ucciso lo scorso agosto nel nord della Striscia di Gaza; il premio Legambiente Campania Doc al miglior racconto del Paesaggio. Tra gli extra da non perdere La Casa delle Stelle di Antonello Carboni (Italia), un documentario sulla vicenda umana e artistica di Antonio Amore, pittore e artista catanese, amico di Renato Guttuso e tanti altri intellettuali del tempo, che dopo avere riscosso importanti successi, nel 1964 decide improvvisamente di abbandonare Roma ed esiliarsi in Sardegna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *