Agropoli: contro l’erosione, posa della prima pietra al Lido Azzurro

AGROPOLI. Con la posa della prima pietra avvenuta questa mattina, hanno preso il via gli interventi di difesa dall’erosione della costa e dell’abitato della zona del Lido Azzurro ad Agropoli. Il progetto, per un costo complessivo di 4 milioni di euro, prevede anche il recupero e la riqualificazione del fiume Testene. La cerimonia si è tenuta […]

AGROPOLI. Con la posa della prima pietra avvenuta questa mattina, hanno preso il via gli interventi di difesa dall’erosione della costa e dell’abitato della zona del Lido Azzurro ad Agropoli. Il progetto, per un costo complessivo di 4 milioni di euro, prevede anche il recupero e la riqualificazione del fiume Testene. La cerimonia si è tenuta  alla presenza del sindaco Franco Alfieri, di assessori e consiglieri comunali e della parlamentare Sabrina Capozzolo.

Nello specifico sono previsti la realizzazione di una scogliera posizionata a protezione della costa con massi naturali che fungerà anche da solarium ed il ripristino e l’adeguamento di quella già esistente nei pressi della spiaggia della Licina. L’alveo del Testene, invece, sarà pavimentato e le sponde rivestite in pietra, creando quindi una passeggiata lungo il corso del fiume».
Inoltre, già prima dell’estate, nell’ambito di un altro progetto per un costo di 190 mila euro, si è proceduto alla realizzazione di un muro di protezione ed al rifacimento della strada e dei marciapiedi di Via Kennedy.

«Dopo un lungo iter burocratico – afferma il sindaco di Agropoli, Franco Alfieri – che si è concluso con l’acquisizione di tutti i pareri necessari, diamo inizio ad un’opera strategica e fondamentale per la costa del Lido Azzurro. Si tratta di un intervento importante che darà nuovamente dignità a questo specifico tratto del litorale agropolese, vitale sia per proteggere l’abitato sia per il rilancio dell’economia turistica. Nel tempo, infatti, il tratto sabbioso si è sempre più ridimensionato, mentre la strada adiacente è più volte franata a causa dell’azione del mare. I lavori, inoltre, ci permetteranno anche di riqualificare l’alveo del fiume Testene. Con quest’opera diamo risposta concreta ai residenti e agli imprenditori balneari che chiedevano interventi mirati».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *