Aggredisce il capotreno e lo manda in ospedale: un arresto a Battipaglia

Un uomo aggredisce il capotreno e lo manda in ospedale: gli agenti della Polfer di Battipaglia hanno eseguito un arresto nella giornata di oggi

polfer, Minaccia

Un uomo aggredisce il capotreno e lo manda in ospedale: gli agenti della Polfer di Battipaglia hanno eseguito un arresto nella giornata di ieri.

Capotreno in ospedale. Un uomo lo aggredisce e viene arrestato dalla Polfer di Battipaglia

Intorno alle 6.20 di ieri, il capotreno del treno regionale 3449, proveniente da Salerno e diretto a Paola, poco dopo la partenza del convoglio dalla stazione di Capaccio, mentre effettuava la consueta verifica dei titoli di viaggio a bordo del treno, ha trovato un viaggiatore sprovvisto di biglietto.

Il ferroviere ha chiesto all’uomo di regolarizzare la propria posizione, comunicandogli che, diversamente, sarebbe dovuto scendere alla fermata successiva. Nella stazione di Paestum il viaggiatore, pretendendo di proseguire il viaggio senza pagare, ha iniziato ad urlareinveire con veemenza verso il capotreno e dopo essere sceso, prima della chiusura delle porte, lo ha improvvisamente colpito con violenza.

Il ferroviere è stato colpito con un pugno al volto ed è caduto violentemente sulla banchina ferroviaria. L’aggressore si è poi dileguato nelle campagne circostanti.

Gli agenti della Polizia Ferroviaria di Battipaglia accorsi immediatamente hanno diramato una nota di ricerca, fornendo una descrizione dettagliata dell’aggressore, riconoscibile in particolare per i capelli con delle vistose treccine sulla parte superiore del capo e i lati rasati. Diffusa anche una dettagliata descrizione del suo abbigliamento.

Dopo meno di mezz’ora, l’assalitore è giunto nella stazione di Battipaglia a bordo di un altro treno, senza immaginare che ad attenderlo c’erano gli  stessi poliziotti ai quali era sfuggito poco prima. Immediatamente è stato fermato, nonostante tentasse di occultare con il cappuccio della felpa la sua appariscente e originale capigliatura.

Il 21enne nigeriano O.E. è stato condotto negli uffici dalla Polfer a fatica, poiché ha continuato a dimenarsi e a strattonare i poliziotti. Riconosciuto anche dal capotreno, è stato tratto in arresto per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

Il malcapitato ferroviere ha formalizzato la denuncia dopo essere stato visitato presso il Pronto Soccorso dell’ospedale di Battipaglia e dimesso con diagnosi di trauma alla regione frontale sinistra, spalla e ginocchio destri, mano sinistra, con prognosi di 6 giorni.

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *