Nel 2018 crescita dei volumi di traffico nei porti di Salerno e Napoli

Cresce il traffico al porto di Salerno e al porto di Napoli. Nei primi dieci mesi del 2018 si registra un incremento del 5% del volume nei container

Salerno porto

Cresce il traffico al porto di Salerno e al porto di Napoli. I volumi di traffico dei porti compresi nell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centrale continuano a crescere.

Nei primi dieci mesi del 2018 si registra un incremento del 5% del volume nel trasporto dei container rispetto all’analogo periodo dell’anno 2017, con un dato che porta al superamento degli 850.000 Teus (per l’esattezza 855.778) tra i porti di Napoli e Salerno.

Sempre nel settore merci, significativo è anche l’aumento, per quanto riguarda il porto di Napoli, del traffico delle rinfuse liquide, che registra – rispetto ai primi dieci mesi del 2017 – un incremento del 5,4%. Nelle rinfuse solide si registra di nuovo un segno positivo, per il porto di Salerno, con una crescita rispetto ai primi dieci mesi del 2017, pari al 6,4%.

Crociere

Nel traffico crocieristico, i porti di Napoli e Salerno considerati nell’insieme, durante i primi dieci mesi del 2018, confermano la decisa e costante ripresa del traffico, con un incremento complessivo del 14% circa nei confronti dell’analogo periodo del 2017: rispettivamente nel porto di Napoli l’aumento è stato del 13,8%, con 991.886 passeggeri, e nel porto di Salerno del 15,9%, con 75.376 passeggeri.

Vie del mare

Il numero dei passeggeri locali e dei traghetti mantiene la sua abituale crescita lenta ma costante, con una percentuale di aumento del 2,15%, registrando 6.915.413 unità rispetto alle 6.770.048 del 2017.

Autostrade del mare

Il segmento del traffico Ro-Ro continua a registrare una flessione nei volumi, con una diminuzione del 5,4% rispetto ai primi dieci mesi del 2017, ma comunque con un miglioramento rispetto ai mesi precedenti del 2018. La forchetta del divario rispetto al 2017, partita con una riduzione nei primi mesi dell’anno superiore al 10%, sta progressivamente riducendosi”.


Fonte La Denuncia.it

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *